ZONE MONTANE E SVANTAGGIATE - LíESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE NON » CUMULABILE CON ALTRE AGEVOLAZIONI

30/09/2015

Il Ministero del Lavoro ha fornito all’INPS un apposito parere in merito alla (non) cumulabilità dell’esonero contributivo triennale per le assunzioni a tempo indeterminato con le riduzioni contributive per zone montane e svantaggiate. Confagricoltura aveva già manifestato alcuni dubbi nelle comunicazioni precedenti sull’argomento, infatti l’INPS non aveva chiarito se la misura introdotta per il 2015 dalla Legge Finanziaria (Legge n.190/2014) per le assunzioni a tempo indeterminato fosse o meno cumulabile con le tradizionali agevolazioni per zone montane e svantaggiate. La questione è rilevante perché la contribuzione antinfortunistica dovuta per gli operai agricoli è particolarmente elevata (13,24%) e non è ricompresa nello sgravio contributivo triennale. Sicché, in assenza di cumulo tra le due agevolazioni, per le imprese operanti nelle zone svantaggiate e montane non vi sarebbe alcuna convenienza nell’applicazione dello sgravio triennale per gli operai agricoli assunti a tempo indeterminato. Il Ministero del Lavoro ha purtroppo ritenuto applicabile ai datori di lavoro operanti nei territori montani e svantaggiati che effettuano assunzioni a tempo indeterminato nel 2015 il solo regime ordinario delle zone montane e svantaggiate, sancendo così l’incumulabilità tra i due benefici. Il parere del Ministero suscita perplessità sia perché dispone una incumulabilità su basi giuridiche poco convincenti e sia perché sembra non concedere ai datori di lavoro interessati la scelta tra una o l’altra delle agevolazioni in questione. Confidiamo di tornare in modo positivo sull’argomento quando l’INPS avrà emanato apposite istruzioni operative.

Area previdenziale
curata da
MARIO RENDINA